Noleggia Sci o Snowboard ad Aprica

La stagione invernale 2018/2019
da Novembre 01, 2018 all' Aprile 17, 2019

Le seguenti condizioni di prenotazione si applicano dal momento del ritiro dell'attrezzatura in negozio ( regolazione personalizzata ISO. )
ideasportaprica@gmail.com Per prenotazioni: +390342746498

Suggerimenti su come raggruppare il tuo corpo durante una caduta. La neve o l’asfalto?

Abrasioni da asfalto o neve, che fare?

“Quella sua maglietta fina, tanto stretta al punto che….”. così cantava Claudio Baglioni, ma se la maglietta può stimolare appetiti estivi di trasparenze, quando la si porta in moto od in scooter ed incontrate il solito che vi apre la portiera dell’auto al vostro passaggio, le conseguenze sono inevitabili… enon sono tanto “fini”, a volte…

Certo un bel giubbotto in kevlar, con le protezioni, una bella giacchetta di pelle di “vacca”, così è quella la “pelle” che si abrade… ma si sa….“a me non può capitare… “ ecchesonoio? Mandrake?

Se però non avete la pelle che resiste all’asfalto come qualche supereroe, prima di andare ad intasare qualche Pronto Soccorso con la vostra “urgenza” (sarà un codice bianco? O verde? Mah…dipende dal triagista…).

Ma qualche consiglio non fa mai male… vediamo di fare una bella scaletta, potrebbe essere un “seme” che darà qualche frutto…

– Stabilizzate la ferita con una adeguata compressione sulla parte lesa, sempre che non vi siano fratture, ovviamente: se avete una cospicua emorragia o esce comunque sangue, applicare immediatamente una pressione diretta e chiamate aiuto.

– Cercate di fermare l’emorragia, se non vi sono ferite importanti ed avete le “piastrine” a posto, la semplice compressione favorirà il coagulo comunque, in caso contrario chiamate aiuto o recatevi al più vicino Pronto Soccorso… questa è una “urgenza”…

– Se potete vedere la struttura ossea sottostante attraverso la ferita non fate nulla ma recatevi subito al Pronto Soccorso.. il fai da te qui è da escludere! A volte la pelle è appesa alla ferita ed è necessario rimuoverla, oppure se ci sono dei tagli questi devono essere ricuciti.

– Verificate se ci sono altre lesioni: se vi sentite disorientati o confusi, o se riuscite a fare solo movimenti limitati delle articolazioni, valutate di chiedere immediatamente assistenza medica (118) evitando di muovervi da soli, cosa molto rischiosa…

– Lasciate che le ferite minori sanguinino auto-limitandosi: ciò permetterà di pulire lo sporco che si trova nelle zone più profonde della ferita.

– Se la ferita è quindi una vera abrasione, lavate la zona lesa delicatamente ma accuratamente con acqua tiepida, questo farà male, ma è importante per pulire tutto lo sporco ed i detriti dalla ferita.

– Se restano dei residui di sporco nella ferita, è necessario sterilizzare delle pinzette con alcool e usarle per rimuovere le particelle di ghiaia o altro materiale rimasto.

– Non è necessario usare delle soluzioni antisettiche come il perossido o lo iodio, ma la cosa importante è pulire e togliere i detriti. Lavate la ferita con acqua pulita ed usate del sapone ed un asciugamano per pulire la zona intorno alla ferita.

– Applicate una pomata antibiotica, come la bacitracina od un unguento per il primo soccorso: oltre a prevenire l’infezione, questo evita che le croste diventino dure e si screpolino quando vi muoverete (garza grassa).

– Applicate un bendaggio compressivo (ma non troppo!!) per evitare che corpi estranei entrino nella ferita, questo evita anche che la ferita possa macchiare i vestiti e la biancheria da letto; ricordate di cambiare spesso la medicazione per evitare che questa aderisca alla ferita.

– Lavate delicatamente la zona almeno una volta al giorno con acqua e sapone.

– Dopo qualche giorno dall’infortunio sostituite la garza con un cerotto contro l’umidità come il Tegaderm della 3M o un prodotto analogo.

– Interrompete l’applicazione della medicazione quando la ferita smette di perdere sangue, di solito 7-14 giorni dopo l’infortunio quando si è trattato di un caso moderato di abrasione.

– In casi profondi la guarigione di derma e cute arriverà in 30 giorni almeno! Insomma…se eravate in vacanza….e siete caduti il primo giorno…. ciccia! Vacanza rovinata!

– Se avete un’allergia minore agli adesivi, tenete legata la medicazione antiaderente con un nastro di carta traspirante e quando cambiate la medicazione, applicate la nuova con un angolo leggermente diverso, in modo che il nastro venga posto in luoghi differenti ogni volta.

– Ciò può evitare di irritare più volte la stessa zona della pelle.

– La parte elastica di un calzino (lavato) agisce molto bene per tenere ferme le bende sulle parti del corpo (mani, gomiti, ginocchia) che si piegano e dove altrimenti potrebbero cadere.

– Se avete una grave allergia al nastro adesivo, usate una garza arrotolata o una rete tubolare appositamente progettata per tenere a posto la fasciatura antiaderente.

– Le abrasioni da asfalto sono anche conosciute come ustioni da asfalto per un motivo molto semplice: le ferite profonde che coprono una grande superficie (come potrebbe succedere da una caduta in moto o in bicicletta a grande velocità) sono spesso trattate meglio come ustioni. 

Consultate un medico specialista, se la lesione si estende su una vasta area della pelle.

Alcuni antibiotici a tripla azione, come il Neosporin, che contiene neomicina, possono causare allergie da contatto della pelle.

Se notate un arrossamento, prurito, a volte anche delle eruzioni cutanee sulla zona ricoperta dal bendaggio, probabilmente siete allergici alla pomata antibiotica. Passate ad altri prodotti o non usate come prima scelta il Neosporin.

Se la ferita ha dei solchi profondi dove c’è del materiale bianco visibile nella parte inferiore della ferita, consultate immediatamente un medico.

Se non avete fatto l’antitetanica negli ultimi 10 anni (alcuni dicono entro i 5 anni per le ferite sporche) fatevi fare anche il vaccino. Anche se raro, un’infezione da tetano (“trisma”) può essere fatale, ma si può prevenire facilmente con il vaccino, andate quindi al distretto sanitario o dal medico per la prescrizione

L’abrasione da asfalto può lasciare delle cicatrici di grandi dimensioni: se avete una ferita sul viso o in altre zone delicate esteticamente, consultate un medico specialista.

I medici e i paramedici di pronto soccorso cercano eventuali lesioni sottostanti prima di curare le ferite evidenti, come le abrasioni.

Le abrasioni non uccidono o non paralizzano, ma un osso rotto, un’emorragia interna, o una ferita alla testa potrebbero.

Coprite le ferite, perché le lesioni cutanee durante la guarigione tendono a scurire con l’esposizione al troppo sole, o almeno usate una buona crema solare quando state all’aperto per diversi mesi per ridurre al minimo l'”iperpigmentazione post-infiammatoria.”

Se la ferita si infetta, rivolgiti a un medico.

E la prossima volta “la maglietta fina” usatela in spiaggia, camminando a piedi…

Add comment

© 2017 Idea Sport di Corvi Manuela P.IVA e C.F 00629920141.
Realizzato da ByZborovsky WebAgency. Studio Creativo